venerdì 27 luglio 2007

più tasse per tutti

I conti del comune vanno decisamente bene. In pochi mesi la nuova amministrazione ha potuto accertare maggiori entrate da oneri di urbanizzazione per circa 270.000 euro. Le farmacie, pur avendo venduto il 75% della proprietà, portano ancora circa 50.000 euro di dividendi alle casse del comune, pressapoco la metà di quando erano interamente di proprietà comunale. Una conferma che la scelta di vendere è stata saggia, come ha giustamente rivendicato in consiglio Piercarlo Fornara. La vendita del lascito Pennaglia, perfezionata dalla precedente amministrazione, rende disponibili quasi 200.000 euro. Infine, dal trasferimento dei mutui dell'acquedotto all'ATO si sono liberate risorse per circa 70-80 mila euro in più rispetto a quanto messo prudentemente a bilancio dalla vecchia giunta.

Insomma una serie di sorprese positive per i conti del comune.
Ciononostante l'assessore al Bilancio annuncia un aumento dell'addizionale IRPEF * che quadruplicherà, passando dallo 0,1% allo 0,4%.
D'altra parte a Novara, dove il centro destra governa da più tempo, l'addizionale IRPEF è allo 0,8%, quindi sappiamo cosa aspettarci.

*l'annuncio è stato dato alla stampa, non in consiglio comunale come sembrerebbe dall'articolo

4 commenti:

Gianni ha detto...

Mi è rimasto in mente la famosa dichiarazione dell'allora rappresentante dell'opposizione, consigliera Tinivella, che, nel penultimo consiglio comunale della vecchia amministrazione si era profusa in una lode esagerata sui risultati ottenuti dalla vecchia giunta. In particolare oggetto delle lodi sperticate sono stati i risultati ottenuti dall'assessore al bilancio Pier Carlo Fornara.
Tra le tante cose dette quella sera che avevano provocato l'intervento entusiata di Tinivella, l'assessore Fornara dichiarava di lasciare nelle casse del comune qualche cosa come 20 milioni di euro! Questo a futura memoria per le inevitabili critiche che la prossima amministrazione gli avrebbe rivolto. (Forse si sentiva già il cambio del vento?)
Ora leggiamo sulla stampa locale che sarà quasi inevitabile ritoccare l'addizionale IRPEF . E' il solito giochino. L'amministrazione ha davanti 5 anni di governo. Presume che gli elettori sono da considerare popolo bue, acritico e con la memoria corta. Se le tasse le alziamo subito tra cinque anni hanno digerito tutto e chissenefrega. Al massimo, se qualcuno tenterà di reclamare timidamente, non ci vorrà niente accusare il governo Prodi che ha messo le mani nelle tasche degli italiani.

canesciolto ha detto...

Sono curioso di sapere da quale fonte attendibile è desumibile che l'addizionale comunale passerà dallo 0,1% allo 0,4%. Il link presente nel post di Giuseppe Volta riporta ad una dichiarazione dell'attuale vicesindaco che afferma che l'addizionale verrà ridotta in maniera "leggera".
Insomma quacosa non mi è chiaro, non mi pare che quadruplicando l'imposta si possa dire di fare un ritocco leggero.
O, in alternativa, l'aliquota dello 0,4% riportata da Giuseppe nel suo commento è un dato privo di reale fondamento.

Giuseppe Volta ha detto...

E' una mia deduzione abbastanza scontata. Anche se non dà percentuali, il vicesindaco dice che pensa di non rispettare il patto di stabilità. I comuni che non rispettano il patto devono prendere dei provvedimenti di riequilibrio dei conti, uno dei quali è l'aumento dell'addizionale IRPEF nella misura minima dello 0,3%, che aggiunto allo 0,1 attuale porta allo 0,4%.

canesciolto ha detto...

Ok Giuseppe staremo a vedere se questa tua previsione avrà o meno dei reali riscontri..tuttavia in tal caso, personalmente l'aumento lo definirei "molto consistente". E' un aumento del 400%..altro che leggero ritocco!
Nel mio post precedente ho erroneamente scritto che "una dichiarazione dell'attuale vicesindaco che afferma che l'addizionale verrà "RIDOTTA" in maniera leggera".
Naturalmente mi correggo...l'addizionale verrà AUMENTATA e non ridotta. Mi scuso per l'errore.