mercoledì 11 aprile 2007

tutti d'accordo su risparmio energetico e energie rinnovabili

Risparmio energetico e energie rinnovabili sono tra gli argomenti al centro della campagna elettorale. La lista Borgomanero Viva ha fatto di questo argomento uno dei cardini del programma e l'ha approfondito parecchio con molti spunti interessanti che condivido in pieno, in particolare l'idea di fare di queste tematiche un perno dello sviluppo economico della zona.

Anche Anna Tinivella nella presentazione della candidatura ha citato il risparmio energetico tra gli obbiettivi dell'amministrazione.

La giunta uscente si è già mossa in questa direzione con due azioni:
1 - il teleriscaldamento: un impianto centralizzato ad alta efficienza consentirà di riscaldare, in modo eco-compatibile, la scuola elementare di viale Dante, la piscina comunale, il complesso scolastico di via Aldo Moro, dove hanno sede la ragioneria ed il liceo scientifico, l’istituto Don Bosco ed il palazzetto dello sport, le scuole medie statali di viale Dante, la scuola elementare, la chiesa e l’oratorio maschile, l’albergo «Ramo Verde», la palestra «Acquaviva» a la palestra che si trova nell’edificio dell’ex Gil.
2 - impianti solari fotovoltaici: ne saranno dotati il Municipio, le scuole materne di via Alfieri e via Roma, l’ex edificio della Gil, dove troveranno la nuova sede i vigili urbani, la scuola elementare di S. Croce, e il nuovo edificio delle elementari, in fase di costruzione.

Sono molto contento sia dei progetti avviati sia della condivisione di questi obbiettivi da parte di molte forze politiche.

Io la mia parte come cittadino ho già cominciato a farla: ho installato pannelli solari per la produzione di acqua calda e integrazione al riscaldamento. Funzionano bene e fanno risparmiare, anche in pieno inverno nelle giornate limpide l'acqua nei pannelli raggiunge i 40-45 gradi.
ho partecipato ad un bando regionale e ho ricevuto un contributo pari al 30% del costo dell'impianto.



Il fotovoltaico invece non l'ho (ancora) fatto perchè quando ho costruito la casa non c'erano finanziamenti e, senza un contributo, gli impianti costano ancora troppo rispetto al risparmio che consentono.

1 commento:

Federico Bozzato ha detto...

Sono d'accordo con le due iniziative dell'amministrazione uscente, ma immagino di condividere il rammarico per non averle realizzate entro la fine del mandato. I progetti sono senz'altro buoni, solo che finchè restano sulla carta i cittadini non possono goderne i benefici.
Spero che chiunque avrà l'incarico di realizzarli (speriamo noi...) nel prossimo quinquennio lo faccia subito e preveda molti altri interventi di questo tipo.